Il ruolo del Creative Director nel mondo della moda

Riccardo Tisci (Burberry), Alessandro Michele (Gucci) e Nicolas Ghesquière (Louis Vuitton) sono esempi di direttori creativi di alcuni dei più grandi fashion brand. Ma sai cosa fa un direttore creativo?

Il Direttore Creativo di un brand della moda o del lusso è responsabile dell’immagine globale. A lui è affidato il compito di definire la personalità del brand o di un singolo prodotto. Dal concept della collezione, al concept dello spazio espositivo, alle campagne pubblicitarie fino alle sfilate, a lui spetta il compito di enfatizzare il valore emozionale del brand e fidelizzare il proprio target di clienti, supportando e favorendo allo stesso tempo lo storytelling del brand.

Molti dei giovani direttori creativi oggi hanno una nuova sfida: quella di riuscire a rispettare l’eredità del marchio e allo stesso tempo innovarlo.

Pierpaolo Piccioli, direttore creativo di Valentino, spiega sul sito web del brand che come direttore creativo, “fin dai primi giorni, il lavoro più importante sull’eredità Valentino è stato attualizzare la percezione, l’idea, l’essenza della Maison più della riproposizione del suo archivio. È stato un processo creativo che ha preso a modello il modus operandi dell’Atelier della Couture. Ovvero, l’eccellenza umana tradotta in ogni singolo dettaglio. Dagli show alle collezioni, dalle collaborazioni ai negozi.”

Per chi vuole puntare su questa carriera e ha già basi di Fashion Design, il master in Creative Direction for Fashion Design della MKS Milano Fashion School può essere una buona idea.

Il corso è strutturato in tre aree di studio: Direzione Creativa e Fashion Design, Brand Management e Strategie di Comunicazione, che fanno parte del lavoro del Creative Director.

La prima area di Direzione Creativa viene svolta in collaborazione con lo Studio Stile di CRISTIANO BURANI (famoso designer italiano che sfila da svariati anni nella Milano Fashion Week e ha un ufficio stile all’interno della scuola) ed affronta l’intero processo creativo e organizzativo che porta alla progettazione della collezione: ideazione, visualizzazione, briefing e implementazione di un concept, analisi dei trends, ricerca di colori, materiali e tessuti attraverso l’incontro con i fornitori, trasformazione di una ispirazione in una collezione di moda.

La area di Brand Management affronta lo studio e l’analisi del mercato, lo sviluppo e il posizionamento del brand e delinea la profonda connessione tra designer e brand.

E la area di Strategie di Comunicazione affronta come si pianifica una campagna pubblicitaria e una campagna stampa attraverso i canali di comunicazione più adeguati ed innovativi. 

Visita il sito